AnnoZero, Santoro, Masi, Berlusconi, Minetti, Ruby, Fede, Mora, Corruzione Minorile


Giornali esteri in un click

Pubblinet_Switzerland

©
CH - 6963 Lugano - Phones: +41919404621 - +41792401881

  - 

Software Pro and Software Free

Il miglior traduttore automatico. Traduce un intero libro in una manciata di secondi
Un traduttore affidabile

Elenco in ordine alfabetico

Software professionale Shareware

Un affare grande... come una casa!

Salva questa pagina

Il tuo sito si vede? Riparazioni computer Lugano Sky in Svizzera

Invia questa pagina

Destati!

Italia, destati!

Povera Italia addormentata!

NO!
Non ci
meritiamo

 

 
un premier così!
Svegliamoci!

Silvio Berlusconi, l'Italia
che conta non ti vuole!

Mara Carfagna
Ma per favore!
NO!

 

 

 

Non ti vogliamo come ministro!
per le Pari Opportunità

Mara Carfagna

La lotta ai fannulloni

 

 

 

NO!

Renato Brunetta

Un bel lacchè

Che squadra!

 

 

 

 

NO!

Maria Stella Gelmini

Che squadra!

 


Non servono parole

NO!

Roberto Calderoli

Troppo amica di Dell'Utri

 

 

 

NO!

Stefania Prestigiacomo

Che squadra!

 

 

NO!

Ignazio La Russa

Che squadra!

 

 

NO!

Angelino Alfano

Che squadra!

 

 

 

NO!

Carlo Giovanardi

Umberto Bossi

Un altro che dalla vita ha imparato poco!

 

...e quindi diciamo:
NO!

Bossi, Nemmeno il Nord ti vuole più

Errore giudiziario fu!

 

 

 

 

 

Marcello Dell'Utri, Iddu!

Che squadra!

 

 

Gabriella, giù le mani
da Internet, che non ne
capisci niente!


 

NO!
Fai qualcosa che sai fare con maggior maestria

Gabriella Carlucci

Che squadra!

 

 

NO!

Daniela Santanchè

 

Che squadra!

 

 

NO!

 

Paolo Romani

Romani e Masi contro "Annozero" dei record
Santoro: "Il 13 febbraio in piazza a Milano"
da repubblica.it

La puntata di ieri sera, aperta dalla telefonata del dg Rai, seguita da sette milioni di spettatori. Il premier si scaglia contro il conduttore nel corso del Cdm e il ministro scrive all'Agcom. Il direttore generale del servizio pubblico: "La misura è colma". Pd e Idv: "Berlusconi vuole piegare le istituzioni ai suoi interessi"

ROMA - Nuovo record di ascolti per la puntata di ieri sera di Annozero, aperta dalla telefonata in diretta del direttore generale Mauro Masi 1. Un successo, quello della trasmissione di Michele Santoro, che continua ad accompagnarsi a roventi polemiche politiche. Gli schieramenti sono sempre gli stessi: la maggioranza parla di faziosità e violazione delle regole del servizio pubblico, mentre l'opposizione si appella alla libertà di espressione. E mentre divampa lo scontro sul suo programma, il giornalista lancia una manifestazione per il 13 febbraio a Milano: riprendendo durante una conferenza stampa "un appello lanciato da Barbara Spinelli e Marco Travaglio", annunciato: "Il 13 febbraio saremo senza bandiere e simboli di partito davanti al tribunale di Milano in difesa dell'indipendenza della magistratura, della libertà d'espressione, e in difesa dei valori della costituzione". In questo clima il dg della Rai rincara: "La misura è colma" e il ministro delle Comunicazioni Paolo Romani scrive all'Agcom segnalando "violazioni".

VIDEO La telefonata di Masi

Gli ascolti. Annozero ha superato anche l'incontro di Coppa Italia Juventus-Roma: il programma di RaiDue è stato seguito da 7 milioni
e 87 mila telespettatori, con uno share del 25,72%. Su RaiUno oltre sei milioni di ascoltatori per la partita: in particolare, il primo tempo è stato visto da 6 milioni 465 mila telespettatori con il 21,56% di share, il secondo da 6 milioni 187 mila pari al 21,23%.

Il governo. Contro Santoro si scaglia in primo luogo Silvio Berlusconi. "E' la solita trasmissione faziosa", avrebbe detto il premier durante il Consiglio dei ministri di questa mattina, chiedendo l'intervento del ministro delle Comunicazioni Paolo Romani per evitare che programmi di questo genere vadano in onda.

E nel pomeriggio arriva la notizia che Romani ha scritto al presidente dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, Corrado Calabrò, per segnalare "recenti accadimenti relativi all'offerta televisiva di programmi di approfondimento dell'informazione della RAI i quali hanno trasmodato in modo evidente i limiti della corretta informazione e, in via mediata, i limiti dell'attività di servizio pubblico demandata alla società in questione". E' a questo punto che il ministro cita le trasmissioni di Annozero del 20 e del 27 gennaio (le stesse su cui hanno chiesto l'intervento i consiglieri dell'Agcom Antonio Martusciello, Stefano Mannoni, Enzo Savarese, Roberto Napoli) in cui si è "dato ampio rilievo ad affermazioni di carattere gratuito, denigratorio e gravemente lesive della dignità e del decoro di eminenti personalità politiche, che sarebbero state proferite da soggetti coinvolti nell'attività di indagine da parte della Magistratura requirente".

Masi. "Voglio premettere sul piano personale - afferma il dg del servizio pubblico in una nota - che per ben due volte e per puro spirito di correttezza aziendale e di rispetto per il mio ruolo ho ritenuto di poter subire nel corso della trasmissione Annozero comportamenti maleducati e inaccettabili". Poi l'affondo: "Ora il limite è stato abbondantemente raggiunto e la misura è colma. Sul piano più rilevante, quello aziendale, ribadisco che è indegna l'attività istruttoria parallela che svolgono taluni sulla televisione del servizio pubblico come se avessero ricevuto chissà quale delega dall'autorità giudiziaria che ancora una volta dovrà verificare l'attendibilità di un teste di accusa che anche ieri sera ha rivelato in diretta televisiva fatti e circostanze oggetto di un procedimento penale ancora in fase di indagine preliminare". Masi ricorda quindi che "Santoro è presente nel Palinsesto Rai non per una libera scelta editoriale ma in forza di due sentenze, come tutti ben sanno molto 'peculiari', dei giudici del lavoro per cui è evidente che una dissociazione a tutela dell'Azienda non può non avvenire nella forma più esplicita". E conclude: "Resto poi convinto che la missione del Servizio Pubblico deve essere ed è tale solo se realmente pluralista e rispettosa di tutte le parti e di tutte le regole. Questa è una battaglia che porterò avanti fino in fondo prendendomi tutte le responsabilità del caso".

L'opposizione. Le prese di posizione governative, suscitano l'immediata reazione del Pd: "Berlusconi vuole piegare ai suoi interessi ogni istituzione di questa nostra Repubblica. Persino il Consiglio dei ministri dove dovrebbero essere prese le decisioni del governo, diventa il pulpito dal quale il premier precipita il Paese nel conflitto permanente lanciando proclami e mettendo la sua persona al centro dell'azione dell'esecutivo", afferma Alessandro Maran, vicepresidente dei deputati del Pd.

Dal leader dell'Idv Antonio Di Pietro arriva una nota dai toni durissimi: "L'Italia dei Valori esprime la propria solidarietà a Michele Santoro e alla redazione di Annozero, vittime ieri di un grave tentativo di intimidazione e censura da parte del direttore generale della Rai. E' fortemente a rischio la democrazia: Berlusconi pretende di imporre ospiti, pubblico e temi, in palese violazione dell'articolo 21 della Costituzione e si serve dei suoi sottoposti per portare avanti questo progetto eversivo".

Presidenza e consiglieri Rai. Paolo Garimberti si sarebbe schierato per il rispetto delle regole ma avrebbe bocciato le valutazioni in diretta tv. "Personalmente - avrebbe detto ai suoi collaboratori - sono convinto che i toni gladiatori non facciano bene alla Rai e che non facciano affatto bene nemmeno alla politica, soprattutto quando parla in televisione e di televisione. Ciò premesso, la libertà editoriale va tutelata in ogni modo ma, ovviamente, deve essere esercitata nel pieno rispetto delle regole. Se e quando giornalisti e conduttori violano queste regole esistono le sedi istituzionali competenti per le valutazioni del caso e tra le sedi istituzionali non rientra certamente la diretta televisiva". "Sono convinto, infine - avrebbe concluso il presidente della Rai - che il supremo interesse dell'azienda Rai sia quello di sottrarla in ogni modo e con ogni mezzo dall'essere oggetto di polemiche e campo di battaglia (prima) e bottino di guerra (poi) della politica".

Dell'opportunità dell'intervento di Masi, dice a Radio Città Futura il consigliere di minoranza nel CdA Rai, Nino Rizzo Nervo, si parlerà nel consiglio di amministrazione fissato per giovedì. A suo avviso, Masi si è comportato da "succedaneo" di Berlusconi: "Siamo abituati alle sortite del presidente del Consiglio, lui le fa e poi i conduttori si regolano come credono. Quando invece è un direttore generale che telefona a una sua trasmissione, o ha il coraggio, ritenendo di essere nel giusto, di prendere delle decisioni, oppure dà l'impressione di averlo fatto per far sapere a qualcuno all'esterno che lui non c'entrava con quello che andava in onda. Così non si fa il direttore generale". Rizzo Nervo si augura pertanto che Masi, "una buona volta, si renda conto della sua imperizia rispetto al ruolo che ricopre e al più presto tolga il disturbo''.

Anche il consigliere di amministrazione Rai Giorgio Van Straten si "dissocia" da Masi: "Di fronte all'imbarazzante telefonata fatta ieri sera da Mauro Masi a Michele Santoro, sento anch'io l'esigenza di dissociarmi, non dalla trasmissione ovviamente, ma da un direttore generale che riesce nello stesso momento a compiere un atto di inaccettabile prevaricazione verso chi fa il proprio mestiere e a mettere in ridicolo se stesso e l'azienda".
(28 gennaio 2011)

 

Share |

Lasciaci un tuo commento | Pubblica su FaceBook



No, non vogliamo un'Italia così!

Share |

Lasciaci un tuo commento | Pubblica su FaceBook



No! non ci meritiamo un presidente così!

 


Pubblicità utile

A cosa serve un traduttore professionale?


 

Seguici su Twitter

 

In evidenza

Essere o credere di essere?
I servi della vergogna
Il futuro dell'Italia che si ripete
Pensandoci bene: la cosa è allarmante
Le incognite dell'auto con  Leasing
I "Diktat" delle Signorie dell'attenzione
I miserabili moderni
Eppure il vento soffia ancora
L'ABC del rischio Italia
10 domande: cos'è fare politica?
Non vogliamo un'Italia così
La fabbrica delle bufale a chi fa comodo
Le bufale di FaceBook
La vera causa delle malattie: la mente
Religioni: ma cos'è Scientology
Il futuro di Internet Italia
La faccia italiana di FaceBook
America, ma chi è l'America
Terrorismo, perchè il terrorismo
Un bel video  da Vedere per capire!
Le foto che l'Italia non deve vedere 

Come sarà la rete del futuro?

La rete Internet è in grave pericolo

Potrebbe interessarti anche...

Sondaggio su Elsa Fornero | I francesi commentano | Sondaggio su Mario Monti | Un video da vedere e commentare | Il Super Mario | La Grecia sta morendo | Corrado Passera e il conflitto d'interessi | Il Debito Pubblico in tempo reale | E' Natale: politica e proiettili | I padroni del mondo | Corrado Passera: ragioni esterne - Sondaggio su Mario Monti | Nigel Farace al Parlamento Europeo | Mario Monti e Mario Draghi | Perchè la crisi | La donna più felice del mondo | Perchè la crisi economica? | Italia derisa e umiliata | I disordini di Roma | Come ci vedono da fuori | Bossi invoca la secessione | I buzzurri soffrono il caldo | Il Buzzurro One | Effetto Domino? | L'Abc del rischio Italia - I topi nel formaggio - Il precario della casta | La manovra "Salva Fininvest" | Berlusconi e il ponte sullo stretto | Berlusconi e il suo male | Onorevole - Disonorevole | Il colmo dell'improntitudine | Le vere puttane | La Tommasi al Premier via sms: "Ti amo" | Il Caimano censurato | AnnoZero: Santoro-Masi | Berlusconi a l'Infedele | Berlusconi bugiardo e spergiuro | Caso Ruby: 384 pagine di intercettazioni | Prostituzione minorile 2° parte | Prostituzione minorile | Università: la grande fuga | Un presidente malato | Un modello negativo | Tutto sul caso Ruby | Italia supera la Cina e FaceBook l'aiuta |Mr Monnezza | Sondaggio su Berlusconi | L'Onnipotente | Lo stupratore della Democrazia | Legge bavaglio | Nostalgia Balilla | L'Innominato | Destati Italia! | Impar Condicio | La Democrazia in Italia | Dell'Utri è innocente | L'Innominabile di Marco Travaglio | Figli della stessa lupa | Perchè no le intercettazioni | Costituzione in pericolo | Appena arrivato è già impedito | Spudorate menzogne | La lega e i suoi Buzzurri | Il Lodo Alfano | Il cavaliere e la Legge | Non tutto si può avere | Berlusconi a Rosi Bindi | Grazie Papi! Buffone e libertino | L'America ride | La storia Mondadori | Renato Brunetta in delirio | Io sono un farabutto | Hanno espropriato la Costituzione | Berlusconi e il suo Ponte | Il caso De Magistris

Tutti i giornali italiani

Tutti i giornali stranieri

Meteo

Un gioiello tecnologico

Servizi utili gratuiti

Sport & Attualità

Svago

  Scienza e curiosità

Elenchi telefonici gratuiti
Il problema della droga: che fare
Motori di ricerca: istruzioni per l'uso
Previsioni Meteo in tempo reale

Utilità online: calcolo del codice fiscale
Tutti i controlli radar in Europa New
Come trovare ciò che cerchi
Annunci gratuiti: cerca e trova
Habemus Papam, Francesco I
Il Caimano raduna i suoi accoliti
I padroni del mondo
Un mistero dentro il mistero
Berlusconi congiuntivite e la Bocassino
NON DIMENTICHIAMOLI!   
Papa, Vatileaks e Conclave top secret
Uno strano senso della giustizia
Attualità: Berlusconi and Company
Sport: Ultime notizie sportive

Musica MP3 e videos Giorgio Gaber
Foto curiose e umorismo

Barzellette e umorismo
Il rumore misterioso
Test di psicologia per la donna
Test di psicologia per l'uomo
Numerologia e parapsicologia
Curiosità e umorismo
Grandi campioni del calcio

 

Albert Einstein: teoria della relatività
Max Planck: l'indeterminazione
Elettromagnetismo: Cos'è la luce
Medicina e salute: pressione Arteriosa
Sismologia: monitoraggio continuo
Il cervello umano: questo mistero
Perchè il vetro è trasparente?
Perchè il cielo è blu?
Area 51: ma che sarà mai?Un ottimo traduttore multilingue

  © Pubblinet Switzerland partner of New Dimension Software 1994 - 2013 - All Rights Reserved | S1 - S2

Invia questa pagina ad un amico